mercoledì 12 ottobre 2016

Saluti in Corsa


Fabio Cugi cammina lesto mantenendo il vantaggio costante di una decina di metri da me e Ribaud. Otto minuti disponibili per percorrere cinquecento metri e salire sul treno che lo porterà a casa. Ultimo treno della notte. E’ un po’ in ansia, fà freddo e continua a ripeterlo.
Arriviamo in stazione, il treno è fermo al binario uno. Il Cugi snobba il primo vagone perchè c’è un viaggiatore stravaccato a terra nel corridoio. Non importa se il malcapitato si sente male o è solo ubriaco, è stravaccato. Scivola via fino alla seconda carrozza, è pulita. Bel treno, nuovo, interni bianchi, la porta si apre col pigio di un pulsante centrale a led verdi sbuffando aria in pressione.
Fabio sale con solennità e con una lieve goffa indecisione come capitano brillo che sale a bordo di un’astronave interstellare, si gira elargendoci frasi e saluti di circostanza.
Di fronte alla porta aperta frego le mani e allargo le braccia rivolgendo i palmi verso il tepore in fuga che ci investe. I saluti si protraggono, Fabio accenna licenza a prendere posto ma i nostri saluti sono trappola collosa elastica, immobilizzante.
Infine la porta si chiude, un ultimo saluto e spalla a spalla con Ribaud ci portiamo verso l’uscita. Camminando senza foga immagino la scena del saluto dal treno in corsa. Classica scena da film di separazione di un forte legame. I due si continuano a salutare fino a quando chi non è sul treno non riesce a correre più forte e il treno lo supera. A quel punto chi è a bordo abbassa il finestrino, si sporge (vietatissimo) e continua a salutare l’amato fino a che non scompare dissolvendosi nello sfondo nebbioso o notturno o notturno nebbioso.
Lo facciamo? Lo salutiamo in corsa? Ribaud ride e siamo già di ritorno sulle tracce del Sankio.
Il treno è sempre fermo, nel primo vagone completamente vuoto non c’è, è nel successivo, seduto sulla poltroncina vicino al finestrino, vòlto in direzione casa, lato binario non pensilina dove siamo noi. Sta maneggiando al fine di inserire l’auricolare nell’orecchio destro e lo spinge e lo avvita come come una lampadina che non si aggancia al portalampada. Insiste, Non guarda dal finestrino, siamo passato senza malinconia. Ci rivedrà forse tra un mese, quindici giorni, una settimana, non se lo domanda.
Ci sbracciamo per un po’ come due cretini prima di battere due dita sul vetro. La musica non l’ha ancora accesa, è metodico, non va accesa prima che il treno inizi la sua corsa. Ci sente quasi subito e  mascherando un machèdubalotefruste in un piacevolmente sorpreso ci sorride, ci saluta e riprende a rigirarsi l’auricolare guardando in basso come uno che sta accertando non gli stiano andando a fuoco le palle. Continuiamo a salutarlo ma non ci guarda più. Il treno si muove e noi ci muoviamo con lui salutando. Il treno avvia la spunta e noi incollati a salutare Fabio che non ci pensa. Poi si corre fino a che le braccia non salutano più trasformandosi in strumenti d’equilibrio. Fabio a testa bassa smanettando l’auricolare in moplen tagliato con la bakelite, sicuramente comperato dai cinesi, non ha ricambiato i nostri saluti.
Scena più comica che poetica, divertente, il giusto finale di una bella serata anche per Fabio se ci avesse guardato.

sabato 1 ottobre 2016

Santa Sana Gelosia



A men’ché non si parli di gelosia le brutte sorprese mi scivolano via.
Se altrimenti mi bagno, mi inzuppo e mi annego riemergo cavallo che salta dal treno.
Tamburo da galea in petto, elettroni tutt’intorno, impronte in fiamme, orecchie a vapore, ruggine di fili intrecciata la coda infilzata.
Non spacco tutto, respiro.
Imbriglio l’energia per convogliarla nel metodo, raccolta di dati, formulazione di ipotesi, conferma della tesi conseguenza delle ipotesi.
Mai giunto ad una tesi, ho sempre esaurito prima l’energia, della sana gelosia.

giovedì 29 settembre 2016

Il ponte di Trezzo sull'Adda


Al passar dei camion il ponte balla, facendoti provare l’ebbrezza dell’adesso crolla.
E’ un ponte fatto bene, relativamente recente che poggia su alti pilastri messi sulla roccia, testato per decenni da traffico intenso e pesante.
Alle 18:00 era un delirio quando Rosario Fontanazza, settantenne palermitano, lo percorreva in mezzo alla sua corsia di marcia spingendo avanti a se il carretto a due ruote carico di carta e cartoni da vendere a Capriate. A Palermo aveva un cavallo e una carrozza per turisti, raccontava credibilmente con dovizia di particolari. Spinto in avanti con passo d’uomo arginava più di mille cavalli, un serpente saltellante di freni mollati e schiacciati di auto e mezzi pesanti. Chi era in coda e in ritardo suonava, chi una volta giunto a casa non avrebbe avuto comunque nulla da fare suonava, chi non teneva alla Ternana suonava. Spingeva e lanciava maledizioni con gesti del braccio simili a quelli della benedizione, a tutti. Menagramate, parolacce, uno sputo, una mezza bestemmia. Finito il ponte girava a destra e i sospiri si sentivano fino a Concesa.